Centri estivi Altopascio: pubblicato l'avviso, rivolto alle associazioni, per organizzare le attività per bambini e ragazzi a partire dal 15 giugno

Realtà associative (sportive e di promozione sociale) e parrocchiali cercasi per organizzare i centri estivi con i bambini e i ragazzi altopascesi. È infatti pronto l’avviso pubblico rivolto a tutte le realtà del territorio di Altopascio che vogliono allestire attività estive per il periodo compreso tra il 15 giugno e l’11 settembre. L’amministrazione D’Ambrosio ha già approvato la delibera con cui si dà il via all’avviso, pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Altopascio: le realtà associative e parrocchiali hanno tempo fino al 31 maggio per compilare il modulo di adesione, allegando anche il progetto che intendono svolgere e inviando la documentazione richiesta.

“Le linee guida del Governo per poter organizzare i centri estivi sono state pubblicate alla fine della scorsa settimana - spiegano il sindaco, Sara D’Ambrosio e l’assessore alla scuola e al sociale, Ilaria Sorini -, ci siamo messi subito al lavoro e nel giro di tre giorni siamo stati in grado di preparare tutti gli atti e pubblicare l’avviso, così da permettere alle associazioni e alle realtà del territorio che intendono organizzare e promuovere centri estivi di avere un po’ più di tempo per farlo. C’è grande attesa sulle attività estive, sia da parte delle associazioni sia da parte delle famiglie: per noi è importante partire il 15 giugno, così come previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, e offrire un’estate di attività ludico-ricreative ed educative in sicurezza ai nostri cittadini più giovani, appartenenti alle fasce 3-5 anni, 6-10 anni, 11-14 anni. Divertirsi e ritrovarsi in sicurezza, restituire socialità e serenità ai nostri bambini e ragazzi: questo è l’obiettivo. Per questo motivo le associazioni che intendono partecipare all’avviso dovranno rispettare i requisiti previsti dalle linee-guida per lo svolgimento dei centri estivi (anch’esse pubblicate sul sito, insieme all’avviso) e organizzare le attività in modo tale da garantire sempre il rispetto delle norme precauzionali.

Le realtà che presenteranno domanda e organizzeranno i centri estivi otterranno un contributo da parte dell’amministrazione comunale, come previsto dall’avviso stesso: abbiamo già ottenuto 10mila euro dalla Regione Toscana e altri fondi li aggiungeremo noi come Comune. A seguire, invece, pubblicheremo un altro bando, rivolto alle famiglie. Il Governo ha già previsto che chi può richiedere il bonus baby sitter possa convertirlo in bonus per i centri estivi: noi, tenuto conto anche di questa agevolazione, metteremo altre risorse comunali, così che anche quest’anno, come già avvenuto negli anni passati, le famiglie possano contare su agevolazioni e contributi per iscrivere i propri figli alle varie attività. Lo sforzo è molto grande, immaginare e costruire servizi alla persona in tempo di Covid-19 è molto difficile e richiede un grande impegno. Ma un Comune non può tirarsi indietro dalla necessità di stare vicino ai bisogni dei propri cittadini”. 

La documentazione richiesta, scaricabile dal sito del Comune di Altopascio, deve essere inviata, entro il 31 maggio, via Pec al seguente indirizzo: comune.altopascio@postacert.toscana.it

Per informazioni: Settore Servizi al Cittadino – Ufficio Servizi Educativi: (0583.216353-216907) e mail: servizi.educativi@comune.altopascio.lu.it